Un morto ogni tanto. La mia battaglia contro la mafia invisibile PDF

Writersfactory.it Un morto ogni tanto. La mia battaglia contro la mafia invisibile Image
DESCRIZIONE

Paolo Borrometi, giornalista, sfuggito a un attentato delle cosche, racconta la criminalità che affronta ogni giorno in Sicilia. «L'autore si considera un redivivo, un morto che cammina, inseguito com'è da sicari incaricati di farlo saltare per aria, come è documentato attraverso intercettazioni tra mafiosi di quelle cosche tra Ragusa e Siracura che hanno saputo ramificarsi, espandersi e prosperare.» - Paolo Graldi, Il Messaggero «Ogni tanto un murticeddu, vedi che serve! Per dare una calmata a tutti!» Nelle intercettazioni l'ordine è chiaro: Cosa Nostra chiede di uccidere il giornalista che indaga sui suoi affari. Ma questo non ferma Paolo Borrometi, che sul suo sito indipendente La Spia.it denuncia ormai da anni gli intrecci tra mafia e politica e gli affari sporchi che fioriscono all'ombra di quelli legali. Dallo sfruttamento e dalla violenza che si nascondono dietro la filiera del pomodorino Pachino Igp alla compravendita di voti, dal traffico di armi e droga alle guerre tra i clan per il controllo del territorio. Le inchieste raccontate in questo libro compongono il quadro chiaro e allarmante di una mafia sempre sottovalutata, quella della Sicilia sud-orientale. Il tutto filtrato dallo sguardo, coraggioso e consapevole, di un giornalista in prima linea, costretto a una vita sotto scorta: alla prima aggressione, che lo ha lasciato menomato, sono seguite intimidazioni, minacce, il furto di documenti importantissimi per il suo lavoro, sino alla recente scoperta di un attentato che avrebbe dovuto far saltare in aria lui e la sua scorta. I nemici dello Stato contano sul silenzio per assicurarsi l'impunità, e sono disposti a tutto per mettere a tacere chi rompe quel silenzio. Il primo libro di Paolo Borrometi è una denuncia senz'appello su un fenomeno ritenuto in declino e in realtà più pervasivo di sempre, da combattere anzitutto attraverso la conoscenza del nemico. Perché il potere della mafia, come diceva Paolo Borsellino, è anche un fenomeno sociale, fatto di atteggiamenti e mentalità passive contro cui l'unico antidoto è l'esempio della resistenza e della lotta.

INFORMAZIONE

ISBN: 9788828200710

NOME DEL FILE: Un morto ogni tanto. La mia battaglia contro la mafia invisibile.pdf

DATA: 2018

Abbiamo conservato per te il libro Un morto ogni tanto. La mia battaglia contro la mafia invisibile dell'autore Paolo Borrometi in formato elettronico. Puoi scaricarlo dal nostro sito web writersfactory.it in qualsiasi formato a te conveniente!

PAOLO BORROMETI - Un morto ogni tanto - La mia battaglia ...

Compra il libro Un morto ogni tanto. La mia battaglia contro la mafia invisibile di Borrometi, Paolo; lo trovi in offerta a prezzi scontati su Giuntialpunto.it

In Biblioteca "Un Morto Ogni Tanto. La Mia Battaglia ...

DESCRIZIONE. Un morto ogni tanto. La mia battaglia contro la mafia invisibile. Autore: Borrometi Paolo Titolo: Un morto ogni tanto.La mia battaglia contro la mafia invisibile. Editore: Solferino Pagine: 264 Isbn: 9788828200710 ATTENZIONE in rari casi l'immagine del prodotto potrebbe differire da quella riportata nell'inserzione «Ogni tanto un murticeddu, vedi che serve!
Fergola. Lo splendore di un Regno. Ediz. a colori
Il mondo delle api e del miele. Le stagioni, i problemi, la vita dell'alveare e dei suoi prodotti
Regina rossa
Business plan in Excel. Con CD-ROM
Leviatano
Massoneria per principianti
La guida dei mostri
Ad un passo dalle stelle
Le ragioni del design
Scelte solidali. L'impegno per gli altri in tempi di soggettivismo
Autobiografie altrui. Poetiche a posteriori
La musica per il cinema nella scuola media ad indirizzo musicale. Corso di pianoforte. Aspetti didattico-metodologici
Diritto dell'Unione Europea. Parte speciale
Lontano da noi
EdiTEST. Lauree magistrali di area economica. Esercizi & verifiche. Prove ufficiali e simulazioni d'esame per la preparazione ai test di accesso. Con software di simulazione
Nietzsche: filosofo della libertà
Le mani sporche
Mille ballerini in scena
Che cos'è la grammatica generativa